Poesia Stampa

 

 

XXI APRILE 

Fresca è la sera ed il vento lieve
con Vespero che brilla sopra ai monti
dov’è sparito il sole e brontola Vulcano:
tempo propizio a celebrare il rito. 

Il sacro alloro illumina e colora
il vivere mutevole e instancabile;
ci guida intorno ai battiti del cosmo
riconciliati ai luoghi e alle presenze.

 Placata angoscia di un presente nudo
privo di slanci e conoscenza vera,
estinta nelle fiamme più non frena
il fermo passo avviato a primavera. 

Mai più rimpianti o esitazioni vane:
questa è la vera fonte che disseta.
E andrà compatto il giovane drappello
nel limitare fausto della sera...